ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
La scienza ai fornelli: il seitan home made

Condividilo sui tuoi social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Ingredienti per 4 persone:
gr 500 Farina Manitoba tipo 1
ml 260 Acqua tiepida
Per il brodo di cottura:
Acqua fredda
alcune fettine a piacere di Zenzero fresco
2 cm di Alga Kombu
un cucchiaino da caffè di Paprika dolce
un cucchiaino da caffè di Curcuma
4 cucchiai da minestra di Salsa di soia a basso contenuto di sale

Seleziona gli ingredienti che ti mancano e crea la tua lista della spesa

Inviami solo la lista degli ingredienti mancanti per fare la spesa. Dò il consenso al trattamento dei miei dati solo per tale scopo.

Una volta fatto l'invio controlla che la mail che ti sei inoltrato con la lista della spesa non sia finita nella SPAM

Iscriviti alla nostra newsletter con la mail

La scienza ai fornelli: il seitan home made

di Dott.ssa Emanuela Ferrara Dietista

Il segreto per ottenere un buon seitan? Lavarlo tante volte finché massaggiando l'impasto, l'acqua risulterà limpida.

  • Facile

Ingredienti

  • Ingredienti per 4 persone:

  • Per il brodo di cottura:

Descrizione

Condividi

La scienza ai fornelli: il seitan home made. Sai come realizzarlo in casa? Bastano solo due ingredienti e si può ottenere un prodotto sempre pronto da conservare in frigorifero che darà vita ad ottimi piatti.

La scienza ai fornelli: il seitan home made

La “carne vegetale” più diffusa nelle cucine orientali e negli stili di vita alimentari come il veganesimo, altro non è che una miscela di acqua e farina.

In commercio si trovano diverse varianti di seitan dove la polvere di glutine spesso viene estratta mediante procedimenti chimici e poi reidratata. A tal proposito dopo il consumo si può percepire un senso di pesantezza di stomaco seguito da una difficile digestione. Poterlo quindi realizzare in casa senza preparati chimici è un grande vantaggio, specie se destinato al consumo da parte di bambini o anziani.

L’impasto che si ottiene è altamente proteico: durante il lavaggio si separano gli amidi (zuccheri) dalle proteine vegetali.

L’inserimento nella propria alimentazione di un prodotto che ha poco colesterolo ed è ricco di proteine vegetali ha delle caratteristiche positive, soprattutto per chi desidera fare una dieta povera di carboidrati o completamente priva di carne.

Peccato però che queste proteine siano a basso valore biologico. A differenza di quelle della carne, sono prive di alcuni amminoacidi essenziali come la lisina che è fondamentale per la formazione di anticorpi, ormoni ed enzimi. Inoltre nei vegetali vanno ricercate fonti alternative per recuperare altre sostanze importantissime come sali minerali (ferro) e  Vitamina B12, quest’ ultima indispensabile per la sintesi dei globuli rossi da parte del midollo osseo. Con il seitan si devono costruire pasti nutrizionalmente ben bilanciati, ricchi di legumi e verdure che possano fornire al nostro organismo quei nutrienti e quelle sostanze mancanti.

A chi si sconsiglia il consumo di seitan:

agli intolleranti al glutine e a chi soffre di celiachia.

Consigli:

conservare il seitan per 5/6 giorni in frigorifero, immerso nel suo brodo di cottura.

Ricetta a cura della Dott.ssa Emanuela Ferrara Dietista.

(Visited 508 times, 1 visits today)

Steps: come cucinare la ricetta La scienza ai fornelli: il seitan home made

1
Fatto

1: mettere la farina in una ciotola e versare l'acqua un pò alla volta continuando a mescolare
2: dopo avere incorporato tutta l'acqua alla farina mettere l'impasto sulla spianatoia
3: impastare a lungo
4: fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo

2
Fatto

5: mettere l'impasto in immersione in una ciotola di acqua fredda e lasciarlo riposare a temperatura ambiente per 1 ora
6: iniziare i lavaggi (circa 20) alternando acqua calda ad acqua fredda continuando a massaggiare l'impasto affinché liberi l'amido (colorazione bianca dell'acqua)
7: l'ultimo lavaggio sarà di acqua fredda e l'acqua alla fine dovrà risultare trasparente
8: il risultato dopo i lavaggi dovrà essere simile ad una spugna

3
Fatto

9: posizionare l'impasto dentro ad un foglio di carta forno o dentro ad un canovaccio di lino e legarlo con lo spago o con gli elastici per arrosti affinché prenda la forma di un salsicciotto
10: preprarare il brodo e portarlo ad ebollizione
11: immergervi il salsicciotto e lasciarlo cuocere per 20 minuti
12: lasciarlo raffreddare e tagliarlo. Si può conservare per 5/6 giorni in frigorifero immerso nella suo brodo di cottura anche già tagliato, ma ovviamente senza più carta forno che lo avvolge.

precedente
I biscottini furbetti
prossima
Condimento vegetale a base di seitan
precedente
I biscottini furbetti
prossima
Condimento vegetale a base di seitan